Come scegliere il tuo personaggio cosplay (maschile)

Oggi analizzeremo un aspetto cruciale per chi, come te, vuole fare cosplay e capiremo come scegliere il tuo personaggio cosplay maschile per avere successo con il tuo cosplay.

Tutti noi all’inizio ragioniamo di cuore e tendiamo a scegliere un personaggio che ci affascina in modo particolare, che ci sta simpatico, nel quale ritroviamo alcune nostre caratteristiche nel suo carattere e nei suoi modi di fare.

Per chi è più inesperto non conta tanto se la differenza fisica tra noi ed il nostro eroe è totale, come il giorno e la notte.

Ma questo è un aspetto da non sottovalutare per fare un ottimo cosplay.

E qui faccio una piccola premessa: per fare cosplay, oltre alla passione e alla cura nella scelta di costume ed accessori, è importante la somiglianza fisica tra te ed il tuo eroe.

Questo è il primo passo per rendere la tua interpretazione di lui/lei migliore.

La tua somiglianza con il tuo eroe sarà già il primo passo fondamentale perché il tuo cosplay sia ben riuscito ed attragga i tanti fan dello stesso anime, videogames o film che sia.

Le tue espressioni, le tue pose per le fotografie o la tua performance sul palco daranno vita al tuo personaggio proprio come se fosse uscito dal fumetto, dal videogames o film che sia!

Ti faccio un esempio per farti capire ancora meglio cosa intendo.

Personalmente non ho visto molti episodi di One Piece (lo so, non mi uccidere!!) ma mi è capitato di vederne qualcuno ogni tanto facendo zapping in TV.

In una puntata che ho visto compare un personaggio, Drakul Mihawk, che mi ha subito colpito con il suo carisma, la sua forza e la sua spada capace di distruggere praticamente tutto!

 

La somiglianza fisica tra me e lui poteva anche starci; io sono moro come lui, per fortuna ho una bella barba folta che mi permetterebbe di riprodurre lo stesso “disegno” che ha lui senza dover ricorrere a matite o colori per la pelle per disegnarmela (sembrando così più credibile).

Sono alto circa 1,80 m, ho le spalle larghe e ho gli occhi neri (e avrei indossato lenti gialle).

Inoltre mi piaceva anche il suo vestire ed il suo cappello.

Tutto perfetto tranne una cosa…non ho gli addominali così tanto scolpiti come li ha lui!! Sigh!

Ora, non importerebbe neanche averli così definiti, basterebbe anche il mio fisico asciutto, ma certamente non avrei mai fatto il suo cosplay con una camicia color carne sotto alla giacca rossa!!

Credimi, ho visto dei cosplayer fare in questo modo. Ti immagini le foto?

Hanno aggiunto un elemento non originale al personaggio e, secondo me, non erano credibili (mai fare una cosa simile!)

Questo significa che se mi piace Goku e ho la pancetta non posso fare il suo cosplay?

Certamente si! Nessuno ti vieta di farlo, molto probabilmente ti divertirai lo stesso tantissimo.

Sappi però che non farai la differenza tra gli altri cosplayer, che è invece il tuo obiettivo dato che mi stai seguendo in questo percorso dove ti insegno tutto ciò che so sull’argomento e che ho imparato da tantissimi altri cosplayer “intervistati” negli anni.

Capito quindi che una somiglianza fisica di base è importantissima, analizziamo ora dei cosplay piuttosto semplici (all’apparenza) sempre restando in tema One Piece.

Sicuramente avrai visto Rubber in qualche fiera o sul web.


Fare il suo cosplay rientra sicuramente tra quelli più semplici dato che è composto da una sorta di gilet smanicato con 3 bottoni gialli ed un pantalone alla pescatora con un bel risvolto bianco sopra alle ginocchia.

Il cappello di paglia (che non può mancare dato che è anche uno dei suoi soprannomi) e i sandali, li si possono acquistare anziché produrli da zero.

Intrecciare la paglia sarebbe un lavorone che farebbe lievitare di molto il costo del cappello stesso, viste le tante ore di manodopera che richiederebbe.

Esclusi i tempi tecnici per la realizzazione del cartamodello fatto su misura, tagliare le stoffe, assemblare e cucirle è un lavoro piuttosto veloce e perciò il costo complessivo del cosplay non sarà affatto elevato.

Concludo con un altro personaggio della stessa serie che probabilmente conoscerai.

Zoro One Piece

Anche Zoro è un costume cosplay semplice, ma dovrai avere alcune accortezze per dargli quel tocco in più!

Prima cosa, la sua maglietta.
Potrai scegliere una T-Shirt bianca, che ti veste abbastanza aderente e creare uno scollo a V con tre piccoli bottoni.

Questo tipo di lavorazione è ideale per imparare ad usare ago e filo e sperimentare e fare esperienza.

Seconda accortezza, i pantaloni.
Sono di un verde molto scuro, ma puoi utilizzarne anche di colore nero se non trovi quel colore particolare di tessuto.

Dovrai rivestire dello stesso tessuto anche i tuoi stivali (potresti acquistarne anche di gomma che sono più economici e che rivestirai poi utilizzando colla a caldo e qualche punto di ago sotto la suola, così sarà più economico).

Terzo trucchetto; la fascia in vita.
Potresti farla in foam (materassino da palestra) e appiccicare sopra le varie striscioline così da dare un effetto tridimensionale.

Rivesti poi il tutto con il tessuto del colore più adatto ed il gioco è fatto.

Quarto accorgimento parrucca e orecchino.
Non è possibile che tu abbia lo stesso colore di capelli di Zoro perciò ti servirà una parrucca (tratteremo in un altro articolo l’importanza di indossare una parrucca di qualità) e, mi raccomando, evita come la peste i coloranti per capelli.

In fiera inizierà a colarti il colore per il caldo facendo un vero disastro che rovinerà il tuo cosplay, la tua giornata e partirai con un sacco di imprecazioni.

Ultima ma indispensabile finezza sono le tre katane.

Se vuoi divertirti e provare e crearle tu va benissimo, però ti consiglio di acquistarle dato che le puoi trovare a basso costo sia su internet che in fiera (i vari rivenditori di katane ce le hanno sempre a disposizione).

Riassumiamo quindi cosa è fondamentale per scegliere il tuo personaggio cosplay (maschile)

  1. Devi avere un’ ottima base di somiglianza con il personaggio che vuoi interpretare

  2. Devi studiare il personaggio in ogni dettaglio

  3. Cerca di trasformare un elemento semplice in qualcosa di più spettacolare (guarda l’esempio fatto sulla fascia in vita di Zoro descritto sopra)

  4. Non tralasciare nessun elemento che fa parte del personaggio

  5. Non aggiungere elementi che non appartengono al personaggio (tipo aggiungere una camicia se non c’è!)

  6. Cerca tessuti di gradazione di colore più simili possibili a quelle del personaggio

Se questo articolo ti è piaciuto, se vuoi puoi commentare qui sotto, oppure puoi mettere un like sulla nostra pagina Facebook o seguirci su Instagram.

Per te vuol dire un minuto del tuo tempo, per noi invece è il carburante per andare avanti e motivarci a continuare a scriverci ed aiutarti a migliorare sempre di più i tuoi cosplay.

Grazie per il tempo e l’attenzione che ci hai dedicato. Buon proseguimento

Lascia un commento